Vendita partecipate Provincia, Massimo Gatti: “Podestà scappa e lascia i cittadini in mutande”

Milano, 1 aprile 2014. Si è riunita nel pomeriggio di oggi presso Palazzo Isimbardi la commissione provinciale Affari Istituzionali con all’ordine del giorno:

– L’autorizzazione alla società controllata Milano Serravalle – Milano Tangenziali SpA a dismettere le azioni di sua proprietà delle società Tem SpA, Autostrade Lombarde SpA e Società di progetto Brebemi SpA;
– L’autorizzazione alla controllata ASAM SpA ad alienare le azioni di TEM SPA unitamente alle azioni di proprietà provinciale;
– L’ alienazione della quota di capitale sociale detenuta dalla Provincia di Milano in Cem Ambiente S.p.A.;
– La ricognizione delle partecipazioni provinciali in società ed in aziende speciali.

Alla commissione ha partecipato anche Marzio Agnoloni, ad di Pedemontana e presidente di Milano Serravalle – Milano Tangenziali SpA e l’Assessore provinciale al bilancio, Maurizio Cozzi.

Intervenendo nel corso della commissione, che non è proseguita per il ritiro dai lavori di tutte le opposizioni, il capogruppo in Provincia di Milano per Lista un’Altra Provincia – Rifondazione – Comunisti Italiani, Massimo Gatti, ha dichiarato:

“Trovo gravissima l’assenza in commissione del Presidente Podestà che, soprattutto su un tema delicato e fondamentale qual’è quello delle partecipate della Provincia, ancora una volta umilia il consiglio provinciale diretta rappresentanza dei cittadini.
Di fronte ai saldi di fine stagione proposti dalla Giunta Podestà, ribadisco il mio parere contrario come già avvenuto tante volte. Diciamo no a queste svendite selvagge. Vere e proprie dismissioni, ancora più gravi considerata fase di crisi economica e sociale che stiamo vivendo.
Sono purtroppo noti gli esperimenti fallimentari già percorsi dalla Giunta provinciale in questo senso e le sciagurate scelte privatizzatrici di Regione Lombardia e dei governi nazionali che si succedono affondando il Paese.
Se si procedesse con queste privatizzazioni, in una fase ulteriormente oscurata dalla corruzione e dalle infiltrazioni mafiose, gli enti Locali non avrebbero più alcun ruolo nel controllo delle autostrade e nel rilanciare politiche per il trasporto pubblico, lasciando in eredità alla Città metropolitana un pugno di mosche e sopratutto lasciando in mutande i cittadini di Milano e provincia, visto che, è bene ricordarlo, stiamo parlando di soldi pubblici”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...