Lavoro, Massimo Gatti all’Hydronic di Pero e alla Jabil di Cassina De’ Pecchi: “Emergenza continua. Piena solidarietà e vicinanza ai lavoratori in lotta!”

Milano, 9 settembre 2013. Il Capogruppo in Provincia di Milano per Lista un’Altra Provincia-PRC-PdCI, Massimo Gatti, si è recato questa mattina ai cancelli della Hydronic di Pero e nel pomeriggio presso la Jabil di Cassina De’ Pecchi occupata oggi dalle prime ore dell’alba per esprimere la sua solidarietà alle lavoratrici e ai lavoratori in lotta.

jabil“Il comportamento “coloniale”, come giustamente denunciato dalle maestranze, di Nokia Siemens Networks (NSN) nei confronti delle lavoratrici e dei lavoratori è semplicemente vergognoso e irresponsabile soprattutto perché impedisce qualsiasi ripresa dell’attività produttiva. – dichiara Massimo Gatti – A loro, che ormai da due estenuanti anni presidiano lo stabilimento facendo tutto il possibile per cercare soluzioni alternative di rilancio della produzione, va tutta la nostra solidarietà e vicinanza. Queste continue perdite di tempo subite e avvallate da parte delle Istituzioni, in primis Regione Lombardia e Governo, sono inaccettabili dal momento che un imprenditore interessato a rilanciare lo stabilimento si è palesato prima dell’estate grazie alla tenacia dei lavoratori. Provincia di Milano e Comuni devono pretendere e agire concretamente per una soluzione positiva riguardo alla ripresa del lavoro.

hydronicAltrettanto vergognoso è l’atteggiamento della proprietà della Hydronic di Pero che ha ribadito la volontà di chiudere lo stabilimento e di licenziare 19 operai anche nell’incontro di oggi, 9 settembre, svoltosi all’Unione Industriale di Saronno. Non c’è più un minuto da perdere. Comune, Provincia, Regione e Governo devono attivarsi al più presto affinché questi licenziamenti vengano ritirati in quanto rappresentano un atto profondamente lesivo dei diritti e della dignità dei lavoratori. Una vera e propria vigliaccata da parte dell’azienda che deve recedere prima degli incontri fissati per la prossima settimana in Regione e al Ministero.

Occorre che tutte e tutti diano il proprio contributo e partecipino alle mobilitazioni delle lavoratrici e dei lavoratori di Cassina e di Pero per la difesa del lavoro, il rilancio dell’occupazione e la difesa della dignità. Di tutte e tutti”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...