TEM, Massimo Gatti: “Maullu parla di cose che non conosce”

Milano, 23 luglio 2013. In merito al “Protocollo d’intesa relativo al trasferimento dalla Concessionaria Tangenziale Esterna Spa alla Provincia di Lodi delle opere stradali e delle piste ciclopedonali connesse alla Tangenziale Est Esterna di Milano” firmato ieri dall’amministratore delegato di TE SpA, Stefano Maullu, e dal commissario straordinario della Provincia di Lodi, Cristiano Devecchi, il Capogruppo in Provincia di Milano per Lista un’Altra Provincia-PRC-PdCI, Massimo Gatti, dichiara:

“Ieri Maullu, come un vero e proprio colonizzatore, è venuto in un territorio abbandonato a se stesso (i vertici istituzionali della Provincia di Lodi sono scappati in Regione) parlando anche di cose che non conosce riguardanti il territorio del Parco Agricolo Sud Milano. Senza pudore continua a cianciare di fantomatici progetti ambientali nei territori della Muzza quando è perfettamente consapevole che quei territori vengono devastati ogni giorno dall’impatto della TEM.
Il territorio adiacente al canale Muzza in tutto il paullese, tutelato da 1000 anni come è successo a Villambrera, è sconquassato: aziende agricole tra le più produttive tagliate e messe in ginocchio. Fontanili, restauri, tangenzialine e piste ciclabili non sono altro che foglie di fico.
Con facce di bronzo senza eguali non si ha alcuna vergogna e si strumentalizzano tragici incidenti stradali, come quello avvenuto sulla SP 159 a Casalmaiocco nel novembre 2012, per invocare la TEM, anziché spiegare chi sono i responsabili dei ritardi nel garantire la sicurezza degli incroci e delle strade.
Si continua a parlare dell’importanza dei capitali privati, quando è di poche settimane fa la notizia dello stanziamento da parte del governo PD-PDL –Scelta Civica di ben 350 milioni di euro di soldi pubblici per permettere l’avanzamento della TEM. PDL e Lega in Regione Lombardia e in Provincia di Milano obbediscono servilmente. Altroché project fincing!
Nonostante questo, Maullu, noto “trasportista” già silurato dalla Giunta Formigoni, si ostina a distribuire soldi che non ha. Perché l’amministratore delegato non spiega ai cittadini perché in un anno (dal 2011 al 2012) sono quasi raddoppiati i costi per servizi di TE SpA, arrivando oggi a superare i due milioni? E come mai ogni anno le società (non si nega una poltrona a nessuno…) del gruppo TEM accumulano milioni e milioni di debito .
La nostra lotta dal basso per fermare la TEM continua comunque, come avverrebbe in qualsiasi Stato normale di fronte ad opere prive di finanziamenti certi. Chiediamo che tutte le risorse pubbliche e della Cassa Depositi e Prestiti stanziate per le nuove autostrade inutili e dannose, con il continuo moltiplicarsi di cave e dei rischi di infiltrazioni mafiose, vengano dirottate su progetti per rilanciare il trasporto pubblico e la mobilità alternativa, l’agricoltura, l’edilizia scolastica, la manutenzione del territorio. Solo così si può davvero rilanciare l’economia nel nostro territorio creando buona occupazione”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...