Esplosione Eureco, Massimo Gatti: “Inaccettabile la nuova perizia chiesta oggi dal legale di Merlino”

Milano 8 aprile 2013. Il Capogruppo in Provincia di Milano per Lista un’Altra Provincia-PRC-PdCI, Massimo Gatti, ha partecipato questa mattina al presidio davanti al Tribunale di Milano, promosso dalla Rete nazionale salute e sicurezza sui posti di lavoro e nei territori-Nodo di Milano e dal Comitato a sostegno dei familiari delle vittime e dei lavoratori dell’Eureco, in occasione dell’udienza del processo per l’esplosione all’Eureco del 4 novembre 2010 che causò la morte di quattro operai.

“Trovo inaccettabile che il legale di Giovanni Merlino, dopo aver chiesto il rito abbreviato, abbia fatto oggi una ricostruzione dei fatti diversa sulle cause dell’incendio del 4 novembre 2010 chiedendo una nuova perizia e l’assoluzione per il suo assistito o, in subordine, il minimo della pena. – dichiara Massimo Gatti – Insieme ai familiari delle vittime e ai comitati che hanno promosso il presidio di questa mattina, e che da anni portano avanti con tenacia e dignità la loro battaglia, chiediamo che sia fatta subito giustizia per gli operai morti in quel tragico giorno all’Eureco senza perdere altro tempo.
Dopo l’incoraggiante segnale del voto unanime del consiglio provinciale la scorsa settimana alla mozione sulla giornata delle vittime dell’amianto, occorre ora un impegno concreto della Provincia anche per dar corso immediatamente agli impegni assunti con la mozione approvata all’unanimità dal consiglio provinciale il 18 novembre 2010, come ho già sollecitato con un’interrogazione il 5 novembre scorso.
Con questa mozione, presentata ben 2 anni fa e oggi non ancora attuata, il consiglio provinciale chiedeva alla Giunta Regionale un censimento di tutti gli impianti ad alto rischio, una descrizione dettagliata degli interventi di controllo, un’illustrazione dei criteri con i quali vengono concesse le autorizzazioni per l’attuazione degli impianti e una rendicontazione delle iniziative messe in campo dalla Regione, dalla Provincia e dagli Enti Locali per prevenire futuri incidenti.
E’ vergognoso che si continui a ricavare profitti sulla pelle delle lavoratrici e dei lavoratori risparmiando nella prevenzione e negli investimenti per la sicurezza sui luoghi di lavoro. Le Istituzioni hanno il dovere di controllare e fa applicare tutte le procedure. Anche Podestà e la sua giunta hanno il dovere di fare qualcosa di concreto in questo senso”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...