San Raffaele, Massimo Gatti presente al sit-in dei lavoratori: “Le Istituzioni devono intervenire. Domani presenteremo una mozione in consiglio”


Milano, 28 novembre 2012. Il Capogruppo in Provincia di Milano per Lista un’Altra Provincia – Rifondazione Comunista – PdCI, Massimo Gatti, si è recato oggi al presidio delle lavoratrici e lavoratori dell’ospedale San Raffaele che da giorni stanno protestando contro i licenziamenti prospettati dalla proprietà dell’Ospedale e che oggi sono stati ascoltati dalla commissione lavoro della Provincia.
 
“Ribadiamo la nostra solidarietà alle lavoratrici e ai lavoratori in lotta contro i vergognosi licenziamenti imposti dalla proprietà che vanno ritirati immediatamente.
Il signor Rotelli, dopo aver spremuto le casse pubbliche e conquistato il San Raffaele, non può fare quello che vuole e deve rispettare i patti sottoscritti.
Domani, mi auguro con il consenso di tutti i gruppi, presenteremo in Consiglio provinciale una mozione che chiede un intervento concreto di Podestà e della Giunta a sostegno della vertenza dei lavoratori del San Raffaele per il ritiro dei licenziamenti.
La Provincia di Milano non può continuare a tacere su una questione drammatica che rischia di lasciare in mezzo alla strada centinaia di famiglie oltre che compromettere un servizio sanitario molto utilizzato dai cittadini e fondamentale per il nostro territorio.
Occorre affiancare i comuni di Segrate, Vimodrone e Milano nella delicata situazione in corso. Va sostenuta efficacemente l’iniziativa sindacale e la piattaforma di lotta della RSU con atti espliciti. Il governo nazionale, con Regione Lombardia, devono smettere un’inerzia complice e spudorata.
In merito al minacciato sgombero del presidio, ripetiamo ancora una volta che la forza pubblica non può essere utilizzata contro lavoratrici e lavoratori in lotta per difendere la loro occupazione e la loro dignità. Si pensi piuttosto ad aprire un negoziato serio, con la presenza dell A.D. Nicola Bedin, che ascolti le ragioni di chi con la propria competenza, professionalità ed abnegazione ha contribuito a rendere il San Raffaele un esempio della tanto sbandierata eccellenza lombarda”.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...