Aumento tariffe Trasporto Locale, Massimo Gatti: “Non è vero che la Provincia non può fare nulla!”

Milano, 29 luglio 2011. In merito all’aumento delle tariffe sul trasporto pubblico locale che entreranno in vigore dal 1 agosto 2011, Il Capogruppo in Provincia di Milano per Lista civica un’Altra Provincia-PRC-PdCI, Massimo Gatti, ha dichiarato:

 “Mentre PDL e Lega a Roma cercano di nascosto, sotto ferragosto, di approvare il progetto per la TEM e affossare il trasporto pubblico, i loro pari al governo qui in Provincia di Milano non hanno vergogna di nulla balbettando lamentele sui media in merito a prezzi e tariffe quando, nella realtà, obbediscono scodinzolando e applicano l’ aumento del 20% (che si aggiunge all’aumento del 13% già intervenuto nel 2010 per i pendolari) che arriva, peraltro, senza un miglioramento delle condizioni del trasporto locale, come invece previsto dalla stessa delibera regionale.

E’ falso affermare che non si poteva fare niente contro gli aumenti perché nel piano tariffario imposto dalla regione, dopo i tagli imposti dal duo Berlusconi-Tremonti, la Provincia ha rinunciato completamente a qualsiasi politica di sostegno al trasporto locale e ai pendolari.

Solo per fare un esempio, i proventi della vendita delle quote azionarie di Serenissima detenute da Serravalle (decine di milioni di euro!) possono essere destinati al miglioramento del trasporto pubblico e al sostegno dei pendolari, rinunciando al finanziamento di un’opera autostradale inutile e dannosa come la Tangenziale Est Esterna di Milano, che la società TEM deve finanziare con soli soldi privati come prevedono le regole vigenti.

Ma PDL e Lega non riescono neppure a far applicare una mozione approvata all’unanimità dal Consiglio provinciale, per il ripristino della deducibilità degli abbonamenti dalla dichiarazione dei redditi dei pendolari.

Oltre che a scrivere articoli sull’Area metropolitana, sarebbe bene che Podestà si attivasse quanto prima per una politica congiunta Provincia, Comune di Milano (che deve cambiare la decisione di aumentare indistintamente il costo del biglietto) e Comuni dell’hinterland per una gestione organica e razionale del trasporto pubblico locale che parta dall’istituzione del biglietto unico di viaggio e dalla semplificazione degli abbonamenti”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...