TEEM, l’opposizione in Provincia: “Sospendere il progetto”

Milano, 8 aprile 2011. I gruppi di opposizione in Provincia di Milano: Lista un’Altra Provincia-PRC-PdCI, PD e Italia dei Valori, hanno presentato unitariamente e in modo formale una osservazione in merito al mancato rispetto dell’ “Accordo di programma per la realizzazione della Tangenziale Est esterna di Milano (TEEM) e per il potenziamento del sistema della mobilità dell’est milanese e del nord lodigiano”.

 “In seguito all’analisi del progetto definitivo della TEEM, depositato il 7 febbraio 2011 – scrivono Massimo Gatti (Lista un’Altra Provincia-PRC-PdCI), Bruno Ceccarelli (PD) e Luca Gandolfi (IdV), nell’atto spedito al Direttore Tecnico di Tangenziale Esterna S.p.A. e a tutti gli altri enti interessati – evidenziamo il mancato rispetto dell’Accordo di Programma sottoscritto il 5 novembre 2007.

In particolare si sottolineano le seguenti difformità:

  • riduzione di 145 milioni di euro rispetto agli stanziamenti previsti, con un incidenza sulle opere compensative concordate con i Comuni;
  • mancato finanziamento degli interventi sulla rete ferroviaria e metropolitana, e le opere connesse, in particolare la MM2 per Vimercate e la MM3 per Paullo;
  • mancato rispetto dell’articolo 9 dell’Accordo in base al quale le parti si impegnavano a fare quanto necessario affinché la realizzazione delle opere relative al sistema ferroviario e metropolitano trovassero la loro attuazione “in coerenza con i tempi di realizzazione e ultimazione della TEM”;
  • mancato finanziamento delle opere relative al sistema viabilistico principale, in particolare quelle per il completamento dei lavori di riqualificazione della SP ex-SS 415 Paullese;
  • realizzazione dei cave di prestito nei comuni del sud-est milanese e del nord lodigiano, in deroga alla pianificazione provinciale vigente.

 

In relazione a ciò – continuano Gatti, Ceccarelli e Gandolfi nell’atto – al fine di garantire il pieno rispetto dell’Accordo di programma sottoscritto tra Ministero delle infrastrutture, Regione Lombardia, Provincia di Milano, Provincia di Lodi, CAL, ANAS e una rappresentanza dei Comuni coinvolti, si chiede una sospensione del progetto della TEEM fino al completo ottemperamento di tutti gli impegni e gli obiettivi previsti dall’Accordo stesso”.

“Abbiamo presentato questa osservazione formale – ha dichiarato Massimo Gatti – in vista della Conferenza di Servizio convocata per la prossima settimana affinché vengano accolte le istanze sollevate dalle mobilitazioni popolari per la salvaguardia della salute e della vita dei nostri territori. Non ci fermeremo, comunque, di fronte a dinieghi, bocciature o altre, eventuali, scappatoie burocratiche.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...