Prolungamento Metrò, Massimo Gatti: “Podestà prende in giro Comuni e cittadini”

Milano, 28 dicembre 2010. In merito all’incontro tenutosi in Provincia di Milano nei giorni scorsi tra Amministrazione provinciale, Sindaci e rappresentanti dei Comuni coinvolti nel prolungamento della metropolitana verso Vimercate e Paullo, il capogruppo in Provincia di Milano per Lista un’Altra Provincia-PRC-PdCI, Massimo Gatti, dichiara:

“L’ipotesi di far sborsare 124 milioni, se non di più, ai Comuni per il prolungamento della metropolitana verso Paullo e Vimercate è semplicemente folle ed irresponsabile! Come si può pensare che siano ancora una volta i Comuni a dover pagare per l’assoluta incapacità di PDL e Lega Nord (al governo a Milano, in Provincia, in Regione e nel Paese) di rispettare l’accordo di Programma siglato nel 2007? A maggior ragione dopo che la manovra finanziaria berlusconiana ha messo in ginocchio gli enti locali imponendo tagli drastici ai servizi e al trasporto pubblico locale con conseguenti aumenti reali delle tariffe per il 2011 dal 18% al 30% che peseranno soprattutto sulle tasche dei pendolari, che, in Provincia di Milano, sono già stati salassati, nel 2010, con un aumento del 13%. E’ questo il federalismo di cui tanto si ciancia? Tutti i soldi a Roma e zero agli enti locali per le opere utili alla popolazione? Podestà e la sua Giunta smettano di prendere in giro i cittadini poiché chiedere soldi ai Comuni per il prolungamento della metrò equivale a dire che il prolungamento non si farà. Dopo le tante parole spese e i tanti impegni sottoscritti, il progetto resta ancora vergognosamente sulla carta, mentre si procede con le nuove autostrade e la devastante cementificazione del Parco Agricolo Sud Milano. Altroché che nutrire il pianeta! Per dare un primo segnale sarebbe stato sufficiente approvare un ordine del giorno presentato da me, e sottoscritto da tutta l’opposizione in Provincia, che chiedeva di inserire nel bilancio 2010 un fondo per il cofinanziamento provinciale del prolungamento della MM2 e MM3, così come previsto dall’Accordo di programma, ma il centrodestra ci hanno detto no. A questo punto PDL e Lega Nord devono avere ben chiaro che se salta il prolungamento della metrò, salta anche la TEM, dal momento che le due opere sono collegate. Al fianco dei Sindaci e dei cittadini non consentiremo la devastazione del territorio, con la costruzione della TEM, in cambio di barzellette. Occorre ora una forte mobilitazione dal basso della popolazione, dei comitati, delle associazioni e di tutti gli amministratori locali per evitare l’affondamento definitivo del nostro territorio”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...