venerdì 5 novembre – 20.45 c/o Casa della cultura – Iniziativa con Salvi e De Magistris

Annunci

Acqua, Gatti: “Contro la privatizzazione di Formigoni, tutti in piazza il 13 novembre!”

Milano, 29 ottobre 2010. In merito all’approvazione da parte della Giunta della regionale lombarda del Progetto di Legge sulla gestione dell’acqua, il capogruppo in Provincia di Milano per Lista Civica un’Altra Provincia-PRC-PdCI, Massimo Gatti, intervenendo durante il consiglio provinciale del 28 ottobre ha dichiarato:

“Formigoni e la sua Giunta PDL e Lega Nord obbediscono al Governo e vanificano la richiesta di referendum per l’acqua pubblica. Accelerano la privatizzazione per paura del voto popolare richiesto da un milione e 400 mila cittadini e dalle molte prese di posizione di Sindaci anche di centrodestra.

Dopo aver indebolito in questi anni il sistema pubblico, facendo spezzatino di aziende grandi ed efficienti, inventando una divisione innaturale tra patrimonio, gestione ed erogazione, e moltiplicando posti e seggiole dei consigli di amministrazione, oggi PDL e Lega mirano a consegnare ai privati almeno il 40% del sistema idrico in ogni provincia, fregandosene totalmente dell’aumento delle tariffe, del calo degli investimenti e dell’occupazione che i privati hanno già causato nelle varie zone d’Italia in cui hanno operato.

Per la Provincia di Milano, ma non solo, l’alternativa vera è la costituzione rapida di un’unica azienda totalmente pubblica, che riunisca in sé patrimonio, gestione ed erogazione del sistema idrico, in grado di aggregarsi efficacemente con la città di Milano e con le province confinanti, prevedendo uno spazio anche nel consiglio d’amministrazione per una rappresentanza diretta dei cittadini e delle cittadine.

E’ scandaloso che Podestà, a fronte della cancellazione degli ATO, che consentivano ai sindaci di esercitare un controllo sul sistema idrico, per tutto il 2010 non si sia mai degnato di venire in Consiglio a spiegarci in che modo intenderà operare la Provincia. Chi sarà ora a decidere gli investimenti e le tariffe? Chi eserciterà il controllo? Non basta obbedire ai poteri forti, inchinarsi alla Regione e parlare sempre con pressapochismo e senza dati del bene comune acqua fondamentale ed insostituibile per la vita di tutti.

Per evitare la distruzione del sistema idrico pubblico occorre dare continuità alla partecipazione massiccia e competente delle persone, dei movimenti, delle forze politiche e dei comuni.

Si tratta di una battaglia irrinunciabile di valori e di lavoro, per un servizio universale essenziale e per il controllo diretto di reti fondamentali del sottosuolo che Pdl e Lega vogliono svendere a Confindustria, alla Borsa e alle multinazionali.

Per evitare lo scippo del referendum e della democrazia, per contrastare le mistificazioni, per imporre una moratoria in attesa del referendum popolare e per sostenere il rilancio di una politica pubblica dell’acqua aderiamo in massa alla manifestazione convocata per sabato 13 novembre alle ore 10.00 sotto il Pirellone promossa dal coordinamento regionale dei comitati acqua con il sostegno della CGIL Lomabardia!

Trasporto pubblico locale, MOVIBUS a rischio collasso. Massimo Gatti: “La Provincia faccia la sua parte! Grave l’assenza di De Nicola, mentre Podestà viaggia a Shangai”

Milano, 27 ottobre 2010. La Commissione provinciale mobilità e trasporti si è riunita nella mattinata di oggi per discutere un unico punto all’ordine del giorno: le problematiche dell’Azienda MOVIBUS, gestore del trasporto pubblico su gomma nel lotto 6 (ovest) della Provincia di Milano. MOVIBUS è nata dalla aggregazione dei servizi e delle risorse di STIE spa, ATM spa ed ATINOM spa e, dal 2008, gestisce 28 linee interurbane in circa cinquanta Comuni a ovest di Milano dell’area Legnanese, Magentina e di Busto Garolfo, in Milano ai capilinea di Piazza Cadorna, Molino Dorino e Lotto, con una percorrenza annua che ammonta a circa 6 milioni e 780 mila bus-km.

Il capogruppo in Provincia di Milano per Lista civica un’Altra Provincia-PRC-PdCI, Massimo Gatti, intervenendo nel corso della Commissione ha dichiarato:

“Il Presidente della Giunta e i suoi Assessori, anziché girare nei Comuni della Provincia a sproloquiare di nuove autostrade e nuovi inceneritori, pensino, piuttosto, a garantire il trasporto pubblico alle migliaia di pendolari del nostro territorio. Continua a leggere

El Alamein, Gatti: “Il PDL ancora una volta da spazio all’estrema destra milanese”

Milano, 25 ottobre 2010. In merito alla conferenza “Dalla battaglia di El Alamein alle Missioni di pace”, promossa dalla Provincia di Milano, che si terrà questa sera, 25 ottobre, alle 20.30 presso lo Spazio Oberdan in via Vittorio Veneto 2 a Milano, il Capogruppo in Provincia di Milano per Lista civica un’Altra Provincia-PRC-PdCI, Massimo Gatti, dopo aver presentato un’interrogazione urgente in Provincia, ha dichiarato:

“L’ iniziativa di questa sera, così come la mostra fotografica allestita in questi giorni sempre allo Spazio Oberdan, promossa dall’Assessorato alla Cultura della Provincia di Milano in collaborazione con le Associazioni d’Arma di Milano e con il patrocinio del Ministro della Difesa e dell’Esercito, presentano alcune collaborazioni a dir poco imbarazzanti ed inaccettabili per un Amministrazione pubblica come la Provincia di Milano. Gli spazi espositivi, innanzitutto, sono curati dalla RITTER, casa editrice e libreria di riferimento della estrema destra neonazista gestita da Marco Battarra e Maurizio Murelli (già condannato per aver ucciso a Milano un poliziotto con una bomba a mano, il 12 aprile 1973, lanciata nel corso di una manifestazione dell’Msi). Continua a leggere

RIFIUTI, MASSIMO GATTI: “NO AL RADDOPPIO DELL’INCENERITORE DI TREZZO. BASTA CON LE CHIACCHIERE, DA PODESTÀ CI ASPETTIAMO ATTI CONCRETI”

Milano, 25 ottobre 2010. Intervenendo all’assemblea contro il raddoppio dell’inceneritore di Trezzo sull’Adda, che si è tenuta domenica 24 ottobre a Grezzago, il Capogruppo in Provincia di Milano per Lista civica un’Altra Provincia-PRC-PdCI, Massimo Gatti, ha dichiarato:
 
“In Lombardia esistono già 13 inceneritori, quattro dei quali sono nella provincia di Milano. Per questo bisognerebbe dire chiaramente che sul nostro territorio, ma anche altrove, non devono essere costruiti altri impianti inutili e dannosi. Continua a leggere

Honduras, Gatti e Patta incontrano il Frente Nacional de Resistencia Popular

Milano, 22 ottobre 2010. Il capogruppo in consiglio provinciale per Lista civica un’Altra Provincia-PRC-PdCI, Massimo Gatti, e il Segretario provinciale di Rifondazione Comunista – Federazione della Sinistra, Antonello Patta, hanno incontrato nella mattinata di oggi Luther Castillo Harry, dirigente del Frente Nacional de Resistencia Popular dell’Honduras, in Italia per presentare alle Istituzioni e alla società civile la grave situazione di violazione dei diritti umani in atto in Honduras. Continua a leggere

Milano – Serravalle, Gatti: ”Soldi solo per i poteri forti e le autostrade. Dita negli occhi per i pendolari e la scuola pubblica”

Milano, 15 ottobre 2010. Il Consiglio provinciale di Milano ha approvato nella seduta di ieri, con 26 voti a favore e 14 voti contro (quelli dei gruppi dell’opposizione), una delibera che prevede il via libera da parte della Provincia alla società controllata Milano Serravalle-Milano Tangenziali S.p.A. a esercitare il diritto di opzione pro quota negli aumenti di capitale di alcune società partecipate (Autostrada Pedemontana Lombarda s.p.a., Autostrade Lombarde S.p.a., Società di progetto Brebemi s.p.a. e Società Autostrada Broni Mortara s.p.a.).
 
Il capogruppo in Provincia di Milano per Lista un’Altra Provincia-PRC-PdCI, Massimo Gatti, intervenendo durante il consiglio provinciale di ieri dichiarato:
 
“Dopo tanti mesi di assenza ieri il Presidente Podestà ci ha degnato della sua presenza in aula e dopo lo show inconcludente su Expo 2015, con una relazione senza contenuti e inconcludente, si è premurato di far approvare alla sua maggioranza questa delibera che prevede lo stanziamento di centinaia di milioni di euro per le autostrade attraverso la controllata Milano Serravalle s.p.a. Continua a leggere