Novaceta, lavoratori in Provincia. Massimo Gatti: “La Provincia si impegni per far ripartire l’Azienda”

 Milano, 31 agosto 2010. Nel pomeriggio di oggi, presso la sede della Provincia di Milano, si è riunita la commissione Lavoro provinciale che aveva come unico punto all’ordine del giorno l’audizione dei lavoratori della società Novaceta di Magenta in merito alla situazione aziendale e occupazionale.

Alla commissione hanno partecipato e preso la parola i lavoratori e i delegati sindacali dell’Azienda, dichiarata fallita, che hanno aggiornato i consiglieri provinciali sulla drammatica situazione che stanno vivendo e hanno proposto la bozza di un piano di rilancio dell’azienda stessa chiedendo un intervento fattivo delle Istituzioni in tal senso.

Il Capogruppo in Provincia di Milano per Lista Civica un’Altra Provincia-Prc-Pdci, Massimo Gatti, intervenendo in Commissione ha dichiarato:

“Siamo innanzi al fallimento dell’azienda, all’ennesimo caso di comportamento truffaldino di cosiddetti imprenditori. Se ancora oggi parliamo della Novaceta lo si deve alla stoica resistenza delle lavoratrici e lavoratori che da mesi stanno mantenendo un presidio davanti alla fabbrica. Continua a leggere

Annunci

Fiat Melfi, Massimo Gatti: “Marchionne fuori legge. Reintegrati i tre lavoratori ingiustamente licenziati”

Milano, 10 agosto 2010. In merito al reintrego dei tre lavoratori della Fiat-Sata di Melfi – Giovanni Barozzino, Antonio Lamorte, Marco Pignatelli – licenziati a luglio con l’accusa di sabotaggio, il capogruppo in Provincia di Milano per Lista civica un’Altra Provincia-Prc-Pdci, Massimo Gatti, ha dichiarato:

 “Finalmente una buona notizia, in un contesto dominato dagli attacchi ai diritti costituzionali e al lavoro. Il reintrego immediato dei tre operai della Fiat di Melfi, disposto dal giudice del lavoro, rappresenta la definitiva cancellazione della fantasmagorica accusa di sabotaggio lanciata da Marchionne contro alcuni lavoratori impegnati nel pieno esercizio di un loro diritto: quello di sciopero. Cancellata questa assurda accusa, che indica chiaramente chi stava rispettando la legge e chi invece no, i vari Marchionne e Sacconi difficilmente recederanno dalla volontà distruttrice di affossare decenni di conquiste politiche e sociali, proseguendo nel loro progetto di riscrivere da zero le regole alla base delle relazioni sindacali. Per questo rimane di primaria importanza il successo della manifestazione nazionale proposta dalla FIOM per il prossimo 16 ottobre. Un grande appuntamento a cui saremo presenti, per non lasciare soli i lavoratori e le lavoratrici impegnate nella difesa del lavoro e dei livelli di occupazione, nelle tante aziende della provincia di Milano e a livello nazionale”.

Acqua pubblica, leggi l’articolo di Massimo Gatti su Liberazione

Su Liberazione di oggi è stato pubblicato l’articolo di Massimo Gatti “Acqua pubblica: basta ipocrisie!”

Martiri piazzale Loreto, Massimo Gatti: “In piazza contro i tentativi di sdoganare gruppi neofascisti, per difendere la memoria della Resistenza e la Costituzione repubblicana”

 Milano, 9 agosto 2010. In occasione della celebrazione del 66° anniversario della strage di piazzale Loreto, in cui quindici tra partigiani e antifascisti furono fucilati dai nazifascisti, il capogruppo in Provincia di Milano per Lista civica un’Altra Provincia-Prc-Pdci, Massimo Gatti, ha dichiarato:

“Anche quest’anno prenderò parte alla manifestazione antifascista del 10 agosto in occasione dell’anniversario della strage di Piazzale Loreto, a cui interverrà il Vice Presidente dell’ANPI provinciale, Roberto Cenati, insieme alle associazioni, ai familiari e alle forze democratiche e antifasciste (ore 21 presso la stele dedicata ai Quindici Martiri). Un appuntamento importante per mantenere viva la memoria di questi combattenti per la libertà e la democrazia, contro gli intollerabili e vergognosi tentativi di sdoganare gruppi di estrema destra, con la complicità e la collaborazione di alcune forze politiche e di una parte delle Istituzioni. Saremo dunque tante e tanti in piazza per riaffermare i principi di uguaglianza, democrazia e giustizia sociale della nostra Costituzione repubblicana, valori essenziali per affrontare i problemi di oggi e la gravissima crisi che sta attraversando la nostra città e la nostra provincia. I fenomeni di corruzione e di infiltrazione della criminalità organizzata nelle istituzioni democratiche, rimettono infatti drammaticamente in primo piano la questione morale e la necessità di una nuova etica pubblica, che ponga in primo piano l’attenzione all’interesse collettivo e non a quello personale, così come fecero coloro che, sessant’anni fa, scelsero di stare dalla parte della democrazia e della libertà, anche a costo della morte. Alle ore 9.30 parteciperò anche alla deposizione delle corone da parte di forze politiche e sindacali, degli Enti e delle associazioni democratiche, sempre presso la stele di piazzale Loreto. Ci auguriamo che anche le istituzioni democratiche milanesi sappiano rappresentare dignitosamente la città medaglia d’oro della Resistenza e la sua memoria antifascista”.

Acqua pubblica, Massimo Gatti: “Basta ipocrisie!”

Milano, 6 agosto 2010. In merito al rilancio di un politica pubblica e credibile contro la privatizzazione dell’acqua, il capogruppo in Provincia di Milano per Lista Civica un’Altra Provincia-Prc-Pdci, Massimo Gatti, ha dichiarato:

“Il Presidente della Provincia di Milano Podestà e vari esponenti di Pdl e Lega, si affannano a dichiarare che non vogliono privatizzare l’acqua. Niente di più falso dal punto di vista pratico e non ideologico, visti i provvedimenti assunti dal centrodestra a livello nazionale e locale! Il Governo, la Regione Lombardia e le province lombarde, a partire da quella di Milano, vogliono vanificare la richiesta di referendum per l’acqua pubblica e accelerare gli obblighi di privatizzazione, per paura del voto popolare richiesto da un milione e 400 mila cittadini. Dopo aver indebolito in questi anni il sistema pubblico, facendo spezzatino di aziende grandi ed efficienti, inventando una divisione innaturale tra patrimonio, gestione ed erogazione, e moltiplicando posti e seggiole dei consigli di amministrazione, oggi, come minimo, vogliono consegnare il 40% del sistema idrico in ogni provincia a un privato, sicuramente dominante rispetto alla molteplicità dei comuni. Sono totalmente incuranti dell’aumento delle tariffe e del calo degli investimenti e dell’occupazione che i privati hanno già causato nelle varie zone d’Italia in cui hanno operato. Continua a leggere

Moria di pesci, Massimo Gatti presenta interrogazione urgente al Presidente della Provincia di Milano

Milano, 6 agosto 2010. In merito alla straordinaria moria di pesci che si sta verificando nel colatore Addetta e nelle rogge tra Paullo e Tribiano, il capogruppo in Provincia di Milano per Lista Civica un’Altra Provincia-Prc-Pdci, Massimo Gatti, ha dichiarato:

“Dopo il gravissimo disastro del mese di febbraio, con l’ingente sversamento di materiale inquinante nelle acque del fiume Lambro, ancora una volta dobbiamo registrare le carenze del sistema di prevenzione e di controllo dell’inquinamento da parte delle istituzioni competenti. Per questo ho presentato un’interrogazione al Presidente e agli Assessori competenti, per chiedere cosa ha già fatto o ha intenzione di fare questa Amministrazione provinciale per verificare la natura e la causa di questa straordinaria moria di pesci; se l’Amministrazione provinciale si è attivata con gli Enti preposti per verificare eventuali problemi di inquinamento della falda acquifera e del territorio circostante; quali interventi e quante risorse ha destinato la Provincia di Milano per azioni di prevenzione e controllo di questi eventi, che mettono a grave rischio l’ambiente e la salute dei cittadini”.

Milano in Cammino – On line gli interventi all’Assemblea del 22 luglio 2010

Pubblichiamo gli interventi audio (formato mp3) all’Assemblea “Milano in cammino – Contributi per un’altra idea di città” promossa dalla Federazione della Sinistra di Milano il 22 luglio 2010 presso la Sala Guicciardini.

cliccare sul link: http://www.rifondazionemilano.org/spip.php?article455